CHI PUO' DONARE

DIVENTA DONATORE

La maggior parte di noi può donare il sangue e molti, almeno una volta nella vita, potrebbero averne bisogno.

Scrivici »

Lega Pasi Battisti

Più di mezzo secolo di Lega M.Pasi G.Battisti

 

Nasce nel luglio del 1947 per iniziativa di Livia Battisti, figlia del Martire, con il nome di "Lega dei donatori di sangue gratuito per i malati poveri M.Pasi G.Battisti".
La donazione di sangue doveva essere un atto di solidarietà umana e perciò gratuita, destinata ai malati poveri che non avevano i mezzi economici per acquistare il sangue. A quei tempi, infatti, si presentavano al prelievo soltanto poche persone che vendevano il loro sangue al miglior offerente, cioè ai malati ricchi.
La richiesta di donatori perveniva alla Lega M.Pasi G.Battisti direttamente dai reparti dell'ospedale, presso i quali il donatore doveva recarsi per la trasfusione, fosse giorno o notte. Le iscrizioni dei soci all'inizio dell'attività non furono facili, l'entusiasmo e l'impegno consentì all'associazione di crescere.

Il motto coniato dalla fondatrice della Lega Pasi Battisti riassume il profondo significato filantropico legato alla donazione di sangue: "Non è per un premio che noi offriamo il nostro sangue, ma per un sentimento di umana solidarietà che trova soddisfazione in sé stesso".

 

Perchè l'associazione è intitolata a Mario Pasi e Gigino Battisti

 

A liberazione avvenuta nel 1945, le strutture igienico-sanitarie del Trentino, come del resto del Paese, si trovavano in condizioni disastrate: di qui sorse l'impegno di quanti indentevano apportare un contributo di rinovamento. alla vita civile. Quando si trattò di dare un nome all' Organizzazione dei donatori, costruita con paziente e tenace impegno, la scelta non poteva che cadere su Gigino Battisti e Mario Pasi, due uomini che seppero dare un meraviglioso esempio di impegno politico, sociale e civile negli anni cruciali della dominazione fascista e della Resistenza partigiana.

 

MARIO PASI (1913-1945) figlio di operai di Ravenna studiò medicina a Bologna. Sanitario all' Ospedale di Trento si prodigò per i malati e salvò numerosi militari italiani dopo la tragedia dell'' 8 settembre 1943. Militante antifascista, nel 1944 passò in Veneto per organizzare la lotta armata contro l'occupazione nazista. Catturato dai nazisti venne impiccato dopo atroci torture il 10 marzo 1945 nel Bosco dei Castagni presso Belluno. Medaglia d'oro al Valore Militare.

 

GIGINO BATTISTI (1901-1946) figlio di Cesare Battisti fu con Gianantonio Manci organizzatore di espatri antifascisti curando i collegamenti fra partigiani ed alleati. Durante una missione subì un congelamento che gli causò gravi mutilazioni. Sindaco di Trento, lasciò la carica perché eletto deputato socialista alla Costituente il 2 febbraio 1946. Morì in un incidente ferroviario in Calabria.

 

La Lega Pasi Battisti oggi 

 

La Lega Pasi Battisti è presente soprattutto nella città di Trento e nelle sezioni periferiche di Lavis e Malé. La donazione di sangue è, ovviamente, lo scopo primario dell'associazione, ma non è il solo.

 

Promuoviamo infatti anche l'educazione sanitaria e sociale contribuendo ad una maturazione civica della popolazione, con l'esempio di un servizio sociale laico, sburocraticizzato, assolutamente gratuito ed immune da esibizionismi.

 

Iscrizione Albo dellle organizzazioni volontariato sez.a) n. 72 dd.12/3/2003 (documento)

Statuto Associativo - Lega Pasi Battisti volontari del sangue